Monuril è un antibatterico (fosfomicina)  per il trattamento di cistite ed in generale infezioni urinarie;

Adulti:

Una busta da 3 g (come principio attivo) una sola volta preferibilmente la sera prima di coricarsi, dopo aver vuotato la vescica.

monuril

monuril

Nei casi più impegnativi (anziani pazienti a letto, infezioni ricorrenti) somministrare una seconda busta a distanza di 24 ore.

Bambini:

Una busta da 2 g (come principio attivo) una sola volta (MONURIL Bambini).

I sintomi clinici generalmente scompaiono dopo 2-3 giorni.

Nelle infezioni acute delle basse vie urinarie (cistiti, uretriti non gonococciche) sostenute da germi sensibili al MONURIL, una sola dose di prodotto (2 g di principio attivo nel bambino) è sufficiente a determinare la guarigione dell’episodio.

L’eventuale persistenza di alcuni sintomi locali, dopo il trattamento non è necessariamente espressione di insuccesso terapeutico essendo per lo più riferibile ad esiti di pregressa flogosi.

Nei casi clinicamente più impegnativi (soggetti anziani, pazienti a letto, infezioni ricorrenti) oppure nelle infezioni sostenute da germi sensibili prevalentemente alle più alte concentrazioni di antibiotico (Pseudomonas, Enterobacter, Proteus indolo+) possono essere necessarie due dosi di MONURIL da somministrarsi a distanza di 24 ore una dall’altra.

Nella profilassi di infezioni urinarie in seguito ad interventi chirurgici ed a manovre diagnostiche transuretrali, il trattamento viene attuato di norma utilizzando due dosi di MONURIL. La prima dose va som­ministrata circa 3 ore prima dell’intervento, la seconda deve essere assunta a distanza di 24 ore dalla prima.

MONURIL deve essere somministrato esclusivamente per via orale, a stomaco vuoto; preferibilmente prima del riposo notturno, dopo aver vuotato la vescica.

La dose deve essere sciolta in un bicchiere di acqua (50-75 ml) od altra bevanda gradita al paziente e somministrata subito dopo la sua preparazione.

Venduto ad un prezzo di € 14.14, è molto conosciuto dalle donne italiane perchè consente, a fronte di una posologia piuttosto semplice, di risolvere in breve tempo molti casi di cistite.

Premesso che richiede ricetta medica ed in generale il trattamento delle cistiti andrebbe scelto in seguito ad un antibiogramma, si riporta per completezza lo schema posologico più utilizzato.

Un adulto assume di norma 1 sola busta di Monuril; nei casi di infezioni più severe è possibile ripetere il trattamento a distanza di 24 ore, ossia il giorno successivo alla stessa ora. L’eventuale persistenza di piccoli fastidi dopo l’assunzione della prima busta non dev’essere necessariamente interpretata come insuccesso terapeutico, in quanto può essere subentrata un’infiammazione che richiede ulteriore tempo per risolversi.

Si consiglia di norma, per ottenere il miglior risultato possibile, di assumere la bustina sciolta in un bicchiere d’acqua o altra bevanda (te, camomilla, tisansa, …) la sera, a vescica vuota (dopo cioè aver fatto pipì). L’assunzione prima di andare a dormire permette di raggiungere e mantenere più a lungo una concentrazione di antibiotico sufficiente all’interno della vescica; sintomo classico della cistite è infatti il bisogno frequente di urinare, che di giorno non consentirebbe un’adeguata persistenza della sostanza nella vescica.

Il cibo ritarda l’assorbimento del principio attivo, quindi in ogni caso andrebbe assunto almeno 2 ore dopo i pasti od almeno 1 ora prima, anche se in realtà l’efficacia non risulterebbe ridotta ma solo ritardata.

Concentrazioni urinarie molto elevate (circa 3000 mcg/ml) vengono raggiunte in poco più di 2 ore ed il farmaco continua nella sua azione fino a 48 ore dopo la somministrazione.

Monuril è un farmaco molto ben tollerato e, a meno di allergia individuale alla sostanza, presenta molto raramente effetti collaterali, che in ogni caso possono essere:

  • nausea,
  • diarrea,
  • bruciore di stomaco.
Link sponsorizzati:

Articoli correlati:

Tagged with:
 

One Response to Monuril per la cistite

  1. rosanna scrive:

    Qui (ovviamente) non viene detto altrimenti se ne venderebbe molto meno, ma è bene che si sappia che il Monuril (la fosfomicina) è a tutti gli effetti un antibiotico, chiamato antibatterico o disinfettante delle vie urinarie non perchè non è un antibiotico, ma perchè, essendo eliminato prevalentemente attraverso l’urina svolge la maggiorparte della sua azione nelle vie urinarie. Ma essendo un antibiotico può provocare tutti gli effetti collaterali di questa famiglia di farmaci.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>